La pratica della riflessione di fine anno

La pratica della riflessione di fine anno

Trovo che questo post pubblicato da Leo sul finire del 2015 sia sempre valido, e lo ripropongo ora, a chiusura del 2016. 

E’ stupefacente scoprire quante cose abbiamo fatto, sperimentato, imparato in un anno! Prova a pensarci.

E’ un modo per onorare noi stessi e l’anno che abbiamo vissuto, e per stabilire le basi del nuovo anno che sta iniziando.

Auguro a tutti noi un 2017 meraviglioso. A molto presto! S.

 

LA PRATICA DELLA RIFLESSIONE DI FINE ANNO / Zenhabits.com
di Leo Babauta – Trad. Silvia Petiti

 

Mi piace concludere ogni anno con una riflessione. Trovo che mi aiuti a definire con chiarezza gli insegnamenti che ho ricevuto, e ad apprezzare maggiormente il potere che ha un intero anno sulle nostre vite.

 

Ho trascorso un’oretta a scrivere una pagina di diario sul mio 2015.

 

E’ stata una grande pratica. Per riflettere davvero su questo anno, ho dovuto ricordare tutto. Ecco come ho fatto: ho scorso foto e documenti di viaggi, gite e vacanze. Ho dato un’occhiata ai file creati nell’anno. Ho guardato i miei ordini su Amazon: è stato interessante vedere i libri che ho acquistato, i diversi interessi che ho avuto. Ho controllato l’estratto conto della carta di credito, per individuare gli acquisti più importanti. Ho riletto brani di diario e note prese su carta e su file: questo mi ha ricordato le cose di cui mi sono occupato.

 

In questo modo ho osservato tutto ciò su cui ho lavorato, cosa mi ha appassionato, cosa ho imparato, cosa ho letto, dove sono stato, con chi ho passato il mio tempo. Mi sono segnato ciò che ho trovato maggiormente degno di nota. Non è necessario fare un’analisi così approfondita, ma l’ho trovata interessante.

 

Infine ho scritto una pagina di diario, e ho riflettuto su che anno è stato per me. Ho trovato connessioni e legami che mi erano sfuggiti. In qualche modo, questa pratica mi ha stupito. Non avrei mai immaginato di aver fatto così tante cose quest’anno. Non le avevo pianificate, ma quasi senza accorgermene, sono stato spinto a farle.

 

Ho anche potuto osservare come sono cambiato. Poco per volta, sono diventato una persona diversa. Penso che il Leo di un anno fa vorrebbe essere mio amico, adesso.

 

Raccomando calorosamente questa pratica, come modo per chiudere un periodo e salutare tutto ciò che hai vissuto quest’anno.

 

Leggi il post di Leo Babauta qui
Foto: homemadeginger.com

No Comments

Rispondi