piccolidecluttering 1 le scarpe

#Piccolidecluttering – 1/Le scarpe

 

Si può fare decluttering in tanti modi.

Puoi scegliere di seguire gli spazi della tua casa, ad esempio, affrontando una stanza, un armadio o un cassetto per volta. Spesso ti ho parlato di metodi più impegnativi, che partendo da una nuova visione della tua vita, conducono al riordino della casa intera (come il metodo Kondo).

 

A volte, la mancanza di tempo o di spazio (perché tirare fuori molti oggetti vuol dire vivere nel caos per un certo periodo!) ci costringe a rinunciare al decluttering.

 

Invece si può fare decluttering anche in un altro modo: completando tanti piccoli progetti, che non occupano troppo tempo e spazio, ti fanno stare bene perché senti che ti stai muovendo nella direzione giusta, e a piccoli passi rendono più leggera e organizzata la tua casa.

 

I #piccolidecluttering che ho pensato per te sono piccoli (o medi) progetti di decluttering, che ti presenterò al sabato mattina alle 9.00 in punto. Così, se vuoi, durante il weekend potrai dedicare un po’ di tempo al progetto della settimana, e scoprire che non ci vuole molto a risolvere situazioni ferme da mesi.

 

Li troverai su Facebook e su Instagram (cerca i miei profili e metti “mi piace” alle pagine, per essere sicura di non perderteli).  Se nel weekend hai altri programmi, non preoccuparti: i post restano lì, e li ritroverai quando vorrai. 

 

Un passo alla volta, inizierai a goderti pezzi e pezzetti di casa che funzionano!

 

#piccolidecluttering ha un hashtag, che potrai usare su Instagram per postare le foto del tuo lavoro, scrivermi dubbi e sensazioni, gioie e dolori: io le riposterò e ne parleremo insieme per essere d’aiuto a tutte.

 

Iniziamo?

 

⭐️

 

#piccolidecluttering – 1/Le scarpe

 

Come hai già visto dal titolo, il primo progetto che ti propongo riguarda le scarpe.

 

Lo so, non tutte abbiamo lo stesso atteggiamento verso le scarpe: c’è chi le considera come altri oggetti, e chi le adora, ne ha tantissime e pensa che sia impossibile fare decluttering.

 

Ora voglio mettere in chiaro una cosa: per le scarpe, come per tutti gli altri oggetti che tratteremo nei futuri #piccolidecluttering, non mi interessa il numero.

Non voglio suggerire una quantità “giusta” di scarpe, perché siamo tutte diverse: per qualcuna di noi la quantità giusta è 10 paia, per qualcun’altra è 50 o 100.

Per me va bene tutto, se questo ti permette di vivere bene.

Se hai deciso di fare decluttering delle scarpe, però, è perché forse c’è qualcosa che ti disturba.

E’ ora di tirarle fuori e guardarle davvero. Forse alcune sono rovinate, o ti fanno male, o non vanno più bene, o sono passate di moda. Forse non sono più adeguate al resto dei tuoi vestiti.

 

Il progetto di questa settimana riguarda le tue scarpe, perché, come dice Marie Kondo, si fa decluttering soltanto delle proprie cose (e di quelle dei bambini sotto i 3 anni). E’ una questione di rispetto e fiducia, per cui se vuoi occuparti delle scarpe di altri (marito/compagno, figli), cosa consigliatissima, lo farai insieme a loro.

 

Come si fa?

 

Il lavoro è diviso in 4 fasi:

raccolta – selezione – riorganizzazione – smaltimento.

 

1. RACCOLTA. Tira fuori tutte le scarpe e disponile in fila, in uno spazio che possa essere dedicato alla cernita per almeno un’oretta. Se non hai tempo di occuparti di tutte le tue scarpe, tira fuori una stagione per volta e inizia a guardarle.

 

2. SELEZIONE. Togli quelle che:

– sono rovinate

– ti fanno male

non ti vanno più bene di taglia

– non ti piacciono più, o non sono adeguate ai vestiti che porti ora.

Metti da parte le scarpe che devono essere riparate, per portarle dal calzolaio appena possibile.

 

3. RIORGANIZZAZIONE. Riporta a posto le scarpe che hanno passato l’esame: se sono di stagione nella scarpiera, se sono fuori stagione approfitta per pulirle e poi mettile via. Questo è anche il momento di pensare a dove e come le custodisci: se è necessario, puoi organizzarle in modo più funzionale, spostandole, acquistando contenitori e scarpiere adeguate, o riutilizzando in modo diverso quelli che hai a casa.

 

4. SMALTIMENTO. Allontana le scarpe eliminate.

Quelle rovinate sono da buttare, quelle che non vanno bene per altri motivi potranno essere regalate, donate ad associazioni, e se in ottimo stato vendute nei negozi dell’usato o sul web.

 

Come vedi, il lavoro è semplice e l’avrai già fatto tante volte… ma quello che mi interessa è come ti poni di fronte alle scelte: stai facendo un piacere a te, ti stai trattando bene. Allontana ciò che ti fa sentire pesante, tieni quello che sai di usare, e che ti piace. Fare decluttering è, soprattutto, volersi bene.

Fai in modo di allontanare in fretta da casa le scarpe eliminate: restare giorni, se non mesi, con i sacchetti dietro la porta della camera è deprimente e non ti permetterà di godere del senso di libertà dato da un decluttering fatto a regola d’arte.

Non ti voglio costringere a eliminare scarpe per forza. Tu sai se ha senso tenere un paio di scarpe, se pensi davvero di metterle, se hai voglia di spendere tempo e soldi per portare a riparare quelle rotte, se non ti disturba andare in giro con scarpe che ti rovinano i piedi… mi fido della tua capacità di scelta!

 

Fatto il decluttering sulle tue scarpe, puoi aiutare chi abita insieme a te a farlo sulle sue, usando lo stesso metodo e gli stessi principi.

Se hai dubbi, difficoltà, domande, puoi scrivermi nei commenti del post su Facebook, oppure su Instagram.

Se sei orgogliosa del tuo lavoro, scatta una foto e postala su IG con l’hashtag #piccolidecluttering e #silviapetiti, ti verrò a cercare!

 

Fammi sapere come va e ci vediamo sabato prossimo. Ci occuperemo di qualcosa di completamente diverso…

S.

 

⭐️

 

Se vuoi fare decluttering in casa, e non sai da dove iniziareti aiuto con le mie consulenze via Skype, e con i workshop di decluttering online.

 

⭐️

 

Foto: le mie scarpe!

No Comments

Rispondi